Noi non abbiamo dubbi: il combustile del futuro è il biometano. Lo diciamo con cognizione di causa basandoci non solo sulla nostra esperienza, ma che e soprattutto su quanto affermato da scienziati, associazioni di categoria e associazioni ambientaliste. Il biometano è una fonte di energia rinnovabile ottenuto dalla lavorazione della frazione organica dei rifiuti urbani e dalla valorizzazione di prodotti e sottoprodotti della filiera agricola e agroindustriale. Indistinguibile chimicamente dal metano tradizionale, può essere immesso nelle infrastrutture del gas naturale con grandi benefici ambientali ed economici. Un ciclo virtuoso che impiega la materia di scarto e la trasforma in combustibile, di origine non fossile. Per trovare il biometano al distributore occorrerà attendere ancora, perché la vendita al pubblico non è ancora consentita dalla legge e neppure il conferimento alla rete del gas naturale. Ciò non toglie che in prospettiva il biometano possa arrivare al grande pubblico e rendere le auto a metano le più pulite in assoluto, anche più delle elettriche.