Se siete alla ricerca di un auto nuova e allo stesso tempo volete rivolgere uno sguardo ai costi del carburante e quelli di gestione la prima cosa che ci viene in mente di dirvi è ANDATE A METANO.

Se stai pensando, nel tuo piccolo, a come ridurre le emissioni di CO2 ma non hai ne il coraggio ne la forza economica di buttarti su un auto elettrica, in Italia l’alternativa c’è e si chiama METANO.

Dopo i vari compromessi tra risparmio e prestazioni degli anni passati ad oggi l’ampio listino offre la possibilità di guidare auto a metano più mature e con prestazioni davvero elevate rispetto alle antenate, il mercato delle auto alimentate a gas naturale sta quindi crescendo.

Cos’è il metano?

Il Metano, identificato come gas naturale compresso a 220 bar (CNG – Compressed Natural Gas), è un carburante allo stato gassoso composto da una miscela di metano e in minima parte da altri idrocarburi leggeri. Il suo utilizzo consente di ridurre le emissioni di CO2 dovute alla combustione perchè tra tutti i combustibili fossili possiede il rapporto più elevato tra energia sviluppata e quantità di anidride carbonica emessa.

Il metano inquina meno!

Una domanda che in parecchi si pongono: “E’ vero che il metano inquina meno?
Partiamo dal presupposto che 1kg di Metano equivale a circa 1,5 litri di benzina in quanto a resa energetica, dunque, ipotizzando che con un auto a benzina servano 7-8 litri per percorrere 100km con il metano sono sufficienti 5 kg.

Le emissioni di CO2 si riducono del 25% rispetto alla benzina se si utilizza il metano tradizionale e si abbattono ulteriormente se nella miscela si utilizza anche il biometano prodotto da rifiuti organici.

La combustione del metano classico è piuttosto snella rispetto agli altri carburanti, infatti le emissioni di ossido di zolfo sono NULLE, mentre le emissioni di polveri sottili sono da considerarsi irrilevanti rispetto agli altri combustibili. Infine, essendo distribuito all’interno di metanodotti il metano non necessita di una rete di distribuzione su gomma (tranne in casi particolari dove le condutture di metano non arrivano.) con la conseguente riduzione delle emissioni inquinanti a livello complessivo (“dal pozzo alla ruota”, cioè dalla produzione all’utilizzo).

Grazie a questo i veicoli a metano non sono soggetti a blocchi del traffico, ma questo varia da città a città tramite provvedimenti locali.

Costi di gestione e manutenzione del Metano

Rispetto ad una vettura equivalente a benzina, in base alle esperienze, un auto a metano consente di risparmiare alla pompa circa il 60% sul costo del carburante, per esempio se adesso spendi 1000€ di benzina, con un auto a gas naturale spenderesti 400€ di metano.

Rispetto al Gasolio il risparmio scende a circa il 40% ma scendono anche i costi di manutenzione. Rispetto al GPL invece si ha un vantaggio di circa il 30%.

La manutenzione ordinaria di una vettura a metano è solitamente meno costosa rispetto a quello richiesto da automobili a benzina o diesel, questo perchè avendo il metano una combustione più pulita e senza residui carboniosi è possibile mantenere più puliti, più a lungo, Olio, filtri e candele.

Certamente le candele verranno controllate con maggiore frequenza e se necessario sostituite. E’ buona norma avere sempre 1/4 o 1/3 di benzina dentro al serbatoio rabboccando la benzina anche 10/20€ alla volta man mano si consuma, il ricambio di benzina infatti impedirà il ristagno prolungato del carburante e permetterà una migliore lubrificazione dei condotti.

Le bombole di metano



modello bombole metano

I veicoli a metano necessitano del collaudo delle bombole con scadenza di quattro o cinque anni.
Ogni quanto tempo va fatta la revisione alle bombole di metano? Dipende da tanti fattori:

I veicoli a metano necessitano del collaudo delle bombole con scadenza di quattro o cinque anni.
Ogni quanto tempo va fatta la revisione alle bombole di metano? Dipende da tanti fattori:

  • Ogni 5 anni se le bombole sono omologate secondo normativa Nazionale
  • Ogni 4 anni se le bombole di metano sono omologate a norma Europea

Per le vetture a metano equipaggiate con bombole omologate a norma europea di tipo 4 (CNG-4) la prima revisione avviene al quarto anno e successivamente ogni 2 anni (in corrispondenza alle revisioni della macchina).

Per le auto dotate di due diversi tipi di bombole la revisione delle bombole in materiale composito va effetuata dopo 4 anni dall’acquisto e successivamente ogni 2 anni. Mentre quella della bombola in acciaio ogni 4 anni.

Bollo auto per vetture a metano

Con le auto a metano è possibile pagare meno di bollo auto o addirittura non pagare il bollo se la macchina è monovalente, cioè, progettata per funzionare esclusivamente a metano. Se l’auto a metano e dotata di un piccolo serbatoio di benzina per le emergenze godono di agevolazioni sul bollo del 75% in tutta Italia a tempo indeterminato.

Per le auto bivalenti (Benzina/Metano) invece, la questione varia da regione a regione.

Come e quando fare rifornimento a Metano

L’unica pecca, seppur minima rispetto ai tanti suoi vantaggi, è che il metano non ti permette di fare rifornimento quando e dove vuoi. Per fare metano in Italia devi necessariamente recarti presso i distributori in orari di apertura in quanto il rifornimento può essere effettuato solo dal personale addetto. Fortunatamente esistono diversi distributori con orario esteso o H24 come i nostri impianti New Energy di Patrica (FR) e Spigno Saturnia (LT), con servito H24. Mentre gli impianti di Isola del Liri (FR), Colle D’Anchise (CB), Alatri (FR), Maddaloni (CE) e Sora (FR) sono con orario continuato esteso. (Guarda gli orari esatti di tutti i distributori di Metano NEW ENERGY)

I distributori a metano sono oltre 1400 in tutto in territorio nazionale e fa si che l’Italia sia la nazione prima in Europa per mobilità a metano.

APPROFONDIMENTO:
Da marzo 2019 è stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale un decreto che pone le basi tecniche ed esecutive per consentire il rifornimento di metano in modalità self-service.